PENALE D'IMPRESA: aree a rischio e profili di responsabilità delle persone fisiche e delle persone giuridiche 

La condotta di qualsiasi soggetto è suscettibile di essere valutata dall'autorità giudiziaria sotto il profilo della responsabilità, ivi compresa quella penale. Non si sottraggono a questa regola basilare l'imprenditore commerciale e le altre figure aziendali, le quali, più di altre, sono gravate da responsabilità in virtù della posizione organizzativa che ricoprono.

 

Quando l'impresa si articola in strutture complesse, la cerchia dei soggetti destinatari di eventuali contestazioni in sede penale da parte della Procura della Repubblica può estendersi notevolmente. Oltre ai membri apicali, talvolta vengono sottoposti ad indagini amministratori di società controllate, sindaci, altri soggetti preposti, che ricoprono funzioni specifiche, le quali danno origine a posizioni di garanzia,con la conseguente assunzione di obblighi e doveri.

 

Qualora il comportamento di costoro, parimenti alla loro omessa attivazione ritenuta doverosa dalla Procura della Repubblica, assuma un ruolo causalmente rilevante nella verificazione del fatto illecito, essi possono essere chiamati a risponderne penalmente a titolo di dolo o colpa.

 

Il problema si pone soprattutto in termini di conseguenze per la persona e per l'azienda, poiché

un procedimento penale può comportare misure cautelari personali nei confronti del soggetto accusato sin dalla fase delle indagini preliminari, oltre a misure patrimoniali e interdittive in grado di limitare pesantemente l'attività della società. Infatti, dopo l'introduzione della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (D.lgs. 231/01) per i fatti costituivi di alcuni reati commessi da esponenti aziendali, anche le società possono essere incolpate nel processo penale con il rischio di subire misure cautelari, interdizioni e sanzioni anche molto pesanti.

 

Con la finalità iniziale di contrastare il crimine organizzato di tipo mafioso ed i patrimoni illecitamente accumulati, erano state introdotte le misure di prevenzione personali e patrimoniali (D.lgs. 159/2011 ed altri provvedimenti anteriori), il cui campo di applicazione, che può prescindere dalla commisione di un reato, è andato via via ampliandosi con notevoli ripercussioni sulle società.

 

La tutela della salute e della sicurezza sul luogo di lavoro in Italia è presidiata soprattutto dal D.lgs. 81/2008, con il quale è stata emanata una delle normative più stringenti del panorama europeo, che interessa molteplici settori a partire da quelli di tipo indutriale.

 

Una condanna penale irrevocabile comporta l'iscrizione nel certificato del casellario giudiziale dell'individuo, mentre al mero rinvio a giudizio consegue già l'iscrizione del reato nel certificato dei carichi pendenti. Per le società è prevista l'iscrizione nell'anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti.

 

Di fronte ad eventuali incriminazioni di questo tipo, l'imputato e la società necessitano di essere assistiti nel migliore dei modi da un avvocato esperto nel diritto penale d'impresa, possibilmente sin dalla fase delle indagini preliminari. 

 

Per questa ragione è molto importante instaurare un legame fiduciario tra difensore, imputato (o persona offesa) e con gli altri esponenti aziendali interessati a vario titolo. Questo, sia per comprendere a fondo le dinamiche del fatto che viene (o rischia di essere) contestato dal pubblico ministero, sia per approntare congiuntamente la strategia difensiva più idonea per il caso concreto.

 

In tale prospettiva, di fronte a fatti che comportano l'approfondimento di meccanismi di elevata complessità tecnica o procedurale, a volte è utile avvalersi anche di consulenti esperti in una specifica disciplina, procedura, materia, prodotto, ecc. Essi devono coordinarsi con il legale di fiducia al fine di poter prestare le proprie conoscenze scientifiche in maniera tale da coadiuvare la strategia difensiva approntata con il Cliente. Ai giorni nostri, l'offerta di servizi o di prodotti sempre più specialistici fa sì che sovente la risoluzione di un problema giuridico postuli un approccio multidisciplinare al medesimo.

 

Occorre pertanto la massima duttilità da parte del legale, onde potersi relazionare al meglio con la società ed i relativi esponenti, possibilmente nella lingua madre degli imputati, eventualmente anche all’estero. Inoltre, spesso è necessario interagire con chiunque altro sia utile coinvolgere nella difesa, come consulenti tecnici, altri soggetti aziendali, difensori di altre parti coinvolte ecc.. 

 

Sovente, quando le dimensioni dell'impresa comportano un'organizzazione articolata, anche la lista dei soggetti imputati assume proporzioni considerevoli. In questi casi, occorre valutare obiettivamente la compatibilità del difensore, affinché la difesa di una parte non confligga con gli interessi di altre parti processuali.

 

Infine, non va dimenticato che la difesa degli esponenti di alcune aziende comporta un impegno a 360 gradi, esteso alla tutela dell'immagine della società e del dirigente, i quali sono esposti ai riflessi negativi del processo penale, fattore che non può essere trascurato dall'avvocato.

 

Nella colonna posta alla Vostra destra troverete i link ad una serie di approfondimenti relativi a reati tipici del mondo dell'impresa. Alcuni di essi sono contemplati dal D.lgs. 231/01, onde la loro contestazione ad una persona fisica comporta pure l'imputazione della società.

Studio Legale Avv. Raffaele Bergaglio

PENALISTA IN MILANO

Descrivetici il Vostro caso, Vi risponderemo in giornata.
Studio Legale Avv. Raffaele Bergaglio
Piazza Castello 17, 20121 - MILANO
 T +39 02 87036764   +39 02 89752921
M +39 327 0286218

© 2015 Copyright Raffaele Bergaglio

  • s-facebook
  • s-linkedin