• Raffaele Bergaglio

I limiti alla responsabilità penale del committente

Aggiornamento: 20 mag

In caso di affidamento di lavori o servizi interni alla propria azienda ad appaltatori esterni, il committente ha l’obbligo di promuovere la cooperazione tra imprese diverse e il coordinamento degli interventi di prevenzione dei rischi.

Tale obbligo trova l’unico limite costituito dai “rischi specifici” propri dell’attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi, cui il committente non può provvedere, come stabilito dall’art. 26, c. 3, D.lgs. n. 81/2008.

Molto spesso, negli incidenti sul lavoro, questa norma diventa lo scudo dietro il quale i committenti cercano di schermarsi dalle accuse che vengono loro ascritte nei procedimenti penali.

Secondo la Corte di Cassazione i “rischi specifici” vanno riferiti a regole che richiedono una specifica competenza tecnica settoriale, generalmente mancante in chi opera in settori diversi: procedure da adottare in singole lavorazioni, utilizzo di speciali tecniche o speciali macchine ecc..

Per queste ragioni, ad esempio, non sono stati considerati rischi specifici quello legato a cadute dall’alto, quello inerente il movimento dei lavoratori che operano nello stesso spazio, quello relativo ad un malfunzionamento di un cancello ed altri generalmente prevedibili e, come tali, evitabili.

Post correlati

Mostra tutti

In Italia, aziende agricole, allevatori, confezionatori, distributori, trasportatori e ristoratori sono sottoposti a controlli rigorosi.